Perché l’ipertensione è una complicanza del diabete?

Esiste una stretta correlazione fra diabete e ipertensione, sono entrambe patologie cardiovascolari, che hanno di base una componente metabolica, ossia la resistenza alla attività insulinica. Diabete e ipertensione sono fattori di rischio importanti per l’insorgenza di problemi al cuore. Intervenire in maniera precoce attraverso controlli di prevenzione, terapie mediche multidisciplinari e la modifica dello stile di vita è dunque molto importante al fine di prevenire infarto, aterosclerosi, cardiopatia ischemica, ictus e scompenso cardiaco.
 
L’associazione tra le due condizioni, in particolare tra diabete mellito di tipo II e ipertensione arteriosa, è piuttosto frequente. Stando agli ultimi dati EURODIAB IDDM, uno studio multicentrico eseguito a livello europeo, considerando il solo genere maschile, la prevalenza dell’ipertensione tra i pazienti diabetici è del 16% sotto i 30 anni, del 30% tra 30 e 44 anni, del 55% sopra 45 anni e del 60% a 75 anni.
 
L’ipertensione aumenta quando il diabete è caratterizzato dalla presenza di microalbuminuria (73%), ossia il passaggio di albumina minima attraverso il filtro renale, o al contrario di macroalbuminuria (82%), il passaggio di albumina eccessiva. Come dimostrato dai dati di uno studio (Sant’Antony study) condotto dalla società Americana di Cardiologia a 50 anni di età l’85% dei diabetici sarebbe iperteso; l’80% degli obesi sarebbe iperteso e/o diabetico e il 67% degli ipertesi sarebbe diabetico e/o obeso. Questo significa che tutti i pazienti diabetici dovrebbero frequentemente controllare i valori pressori e, viceversa, è consigliato a tutti ipertesi di sottoporsi a indagini che possano svelare la presenza di un diabete latente.
 
E’ possibile ridurre le complicanze del diabete e della ipertensione tramite un intervento multifattoriale che comprenda stili di vita, abitudini, controlli medici e indagini strumentali. Per migliorare la qualità di vita delle persone con tale condizione è importante infatti seguire una alimentazione corretta con una drastica riduzione di sale, controllare di frequente glicemia, pressione arteriosa, e colesterolo, e inoltre camminare ogni giorno per almeno 20 minuti, ridurre il peso corporeo e sottoporsi ad un check up annuale cardio metabolico (esami di laboratorio, ecg, valutazione del compenso glicometabolico, ecocolor doppler tronchi sovraortici, ecografia addome superiore).
 
 
Per maggiori informazioni scrivici tramite form
 
RESTA INFORMATO.
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura. Ricevi i nostri aggiornamenti via email!
Una corretta e costante informazione è alla base di ogni cura.
Ricevi tutti gli aggiornamenti via email.

Iscriviti alla Newsletter

La rivista online

GVM Magazine
Salute e Benessere: Il tuo appuntamento con l'informazione medico scientifica.
Scarica la rivista

IL GRUPPO OSPEDALIERO ITALIANO

Ospedali di Alta Specialità, Polispecialistici e Poliambulatori con Day surgery.

Le strutture sanitarie di GVM Care & Research accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale e convenzionate con Fondi Sanitari Integrativi, Casse Mutue e Assicurazioni Sanitarie, sono presenti in 10 regioni italiane.

Visita gli ospedali su GVMnet